in

Alessandro Cattelan commenta la prima puntata di Da Grande dopo gli ascolti

cattelan

Ieri sera, su Rai 1, è andato in onda il nuovo programma di Alessandro Cattelan, intitolato Da Grande. Lo show evento, composto da due puntate, aveva il compito di presentare al grande pubblico italiano il conduttore, che da oggi giocherà in casa Rai.

Gli ascolti della prima puntata però non hanno soddisfatto le aspettative: il programma infatti ha conquistato 2.376.000 spettatori e il 12.67% di share, perdendo la sfida degli ascolti contro Scherzi e Parte e contro la finale del volley Italia – Slovenia.

Oggi Cattelan, durante il suo programma in onda su Radio Deejay, ha quindi colto la palla al balzo per commentare la prima puntata e implicitamente i risultati ottenuti, sottolineando l’importanza che avrebbe avuto il volley nella sfida degli ascolti

Grazie a tutti quelli che hanno visto ieri la prima puntata di Da Grande. Noi siamo molto contenti di quello che abbiamo fatto. Abbiamo un po’ rosicato per l’Italia, la pallavolo che ci ha un po’ segato le gambe, però lì cosa devi fare? Devi mettere l’orgoglio italiano davanti a tutto. Poi io sono un grande tifoso della pallavolo italiana, quindi io sono anche un po’ contento, contro il mio stesso interesse.

Ecco, aveste fatto la finale sabato, lunedì, era meglio, però vabbè. L’importante è far le cose che ti piacciono, farle bene, che tutti quelli con cui sei siano contenti. La cosa bella è che chi l’ha visto dice “che bello”. Perché magari la vedono in tanti ma la metà dice “fa schifo”. Comunque chi l’ha visto ha detto “che bello, io sono contento di questa cosa qua”.

What do you think?

20 Points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Star in the star come sono andati gli ascolti della prima puntata

Mediaset pronta ad agire per vie legali contro Banijay per Star in the Star. L’indiscrezione: “si parla di truffa”

Jo Squillo indossa il niqab al GF Vip per sensibilizzare il pubblico: la conversazione con Alfonso Signorini degenera