in

Concertone del primo maggio 2021, tutto quello che c’è da sapere e il primo partecipante annunciato

Concertone del primo maggio 2021
Concertone del primo maggio 2021

Il consueto appuntamento con il Concertone del primo maggio sta per tornare e in questi giorni impazzano le curiosità e le novità legate a questo importante festival.

Purtroppo, la pandemia da Covid-19 ha paralizzato il settore degli eventi e degli spettacoli dal vivo, rendendone l’organizzazione un’impresa davvero impervia. Nonostante le difficoltà, tuttavia, è nello spirito del Concerto del primo maggio mantenere intatta la volontà di trattare i temi fondamentali del lavoro che riguardano la vita e il futuro di milioni di italiani. L’evento, promosso come sempre da CGIL, CISL e UIL, sarà una produzione TV di Rai Tre, con contributi musicali selezionati, prodotti e realizzati per l’occasione da iCompany.

Nel corso della manifestazione si sottolineerà l’importanza più che mai impellente in questo momento storico di temi come lavoro, unità, partecipazione, futuro e servizio pubblico.

Naturalmente, la volontà di realizzare il festival non è disgiunta dal rigoroso rispetto dei protocolli igienico-sanitari anti Covid; per ora, sappiamo che il Concerto del primo maggio verrà trasmesso in diretta su Rai 3 e Rai Radio2 e sarà realizzato non in Piazza San Giovanni, ma alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Non è ancora dato sapere se sarà prevista oppure no la presenza del pubblico a causa delle norme anti assembramento.

Intanto, possiamo anciciparvi il primo cantante che parteciperà alla manifestazione. Si tratta di Piero Pelù che annuncia orgoglioso e radioso la sua presenza al concerto su Twitter:

Fonte: La Stampa

What do you think?

12 Points
Upvote Downvote

2 Comments

Leave a Reply

2 Pings & Trackbacks

  1. Pingback:

  2. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LOL: Chi Ride è Fuori 2

LOL: Chi Ride è Fuori 2, quando inizierà e i comici contattati per partecipare

Ddl Zan

Legge contro l’omotransfobia, rinviata per l’ennesima volta la calendarizzazione: ecco i motivi. Alessandro Zan: “inaccettabile!”