in

Enock Barwuah si scaglia contro Guenda Goria: ecco i motivi

In queste ore Enock Barwuah, protagonista nella quinta edizione del Grande Fratello Vip, ha deciso di utilizzare le sue Instagram Stories per lanciare un messaggio, o meglio, una frecciatina nei confronti di una ex coinquilina.

Stiamo parlando di Guenda Goria, figlia di Amedeo Goria, che attualmente partecipa alla sesta edizione del reality show.

Enock su Instagram ha scritto

Certo che mi fai ridere, hai avuto il coraggio di attaccare mio fratello. Mo’ dopo il comportamento inammissibile di tuo padre lo difendi?

fonte: profilo Instagram ufficiale di Enock Barwuah

Enock si riferisce a ciò che è accaduto in questi giorni tra Amedeo Goria e Ainett Stephens. Il giornalista infatti è stato accusato di essersi avvicinato troppo alla modella, allungando troppo le mani per fare massaggi e carezze non richieste.

La stessa AInett ha provato a mettere in chiaro le cose con Amedeo, intimandolo a mantenere certe distanze. Al tempo stesso però, Guenda Goria ha deciso di difendere suo padre dagli attacchi del web, giustificando il suo comportamento e chiedendo agli spettatori di non creare questo tipo di polemiche.

I social hanno quindi puntato il dito contro Guenda, la quale nella scorsa edizione del Grande Fratello Vip era apparsa come una persona molto attenta alle tematiche che coinvolgono le donne, i loro diritti, la loro integrità e il loro rispetto.

Enock ha dunque voluto sottolineare come lo scorso anno Guenda fosse in prima linea a condannare una battuta di cattivo gusto detta da Mario Balotelli nei confronti di Dayane Mello, mentre ora guardi dall’altro lato e difenda suo padre nella vicenda con Ainett.

What do you think?

18 Points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

grande fratello vip

Grande Fratello Vip 6 perde ascolti anche nell’appuntamento del lunedì e arriva al 17,5%

Il direttore di Rai 1 interviene per commentare gli ascolti del programma Da Grande di Alessandro Cattelan