in

Il Signore degli Anelli, arriva la serie tv a fine anno: ecco la cifra stellare per realizzarla!

Prevista per fine anno su Amzon Prime Video la prima serie de Il Signore degli Anelli
fonte immagine: ciakgeneration.it

Tolkeniani di tutta Italia preparatevi: a fine anno arriverà la tanto attesa serie tv dedicata a Il Signore degli Anelli. Dopo i pluripremiati film realizzati da Peter Jackson circa 20 anni fa (si, vi state sentendo male, lo sappiamo) con un cast stellare, adesso si passa alla serie televisiva.

Dove verrà distribuita? Non sulla piattaforma Netflix, bensì su Amazon Prime Video. Secondo quanto riportato da Dagospia, i costi per la realizzazione di questo piccolo capolavoro sono stati esorbitanti, superando moltissimi competitor come gli Avangers:

L’intera serie, si dice, costerà più di un miliardo di dollari e il budget della sola prima stagione toccherà l’astronomica cifra di 465 milioni di dollari, un livello mai raggiunto dalle più costose produzioni hollywoodiane della storia.

fonte: dagospia.com

Era stato lo stesso Jeff Bezos, papà di Amazon, ad occuparsi dell’assicurazione dei diritti di Tolkien dal trust che li gestisce. E solo per questi ha speso la bellezza di 250 milioni di dollari. Come aveva fatto anche Peter Jackson per i film, l’intera serie è stata girata (e continuerà ad esserlo) in Nuova Zelanda.

Tuttavia la prima serie de Il Signore degli Anelli non sarà incentrata sulle vicende che hanno a che fare con la seconda guerra contro Sauron per l’anello del potere. No, le vicende raccontate dovrebbero essere quelle raccontate nel libro Il Silmarillion, quando tutto ebbe inizio, a partire dalla creazione degli elfi.

What do you think?

11 Points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dayane Mello e Mario Balotelli di nuovo insieme

Dayane Mello risponde ai gossip che la vogliono di nuovo insieme a Mario Balotelli: ecco cosa ha dichiarato

Fedez

Fedez attacca il senatore Ostellari per aver rimandato ancora la calendarizzazione del ddl Zan: “Sei un senatore, non sei Beyoncé”