in

L’infermiere licenziato a causa del TikTok ha contattato Trash Italiano: ecco le sue parole

Ieri abbiamo riportato una notizia che coinvolgeva un infermiere, il quale è stato licenziato dopo aver pubblicato un TikTok diventato virale in cui, indossando la divisa in ospedale, mimava un conato di vomito a ritmo di musica.

Un episodio che ha indignato migliaia di utenti sui social, i quali hanno sottolineato come video genere possano umiliare e far sentire in imbarazzo persone con problemi di salute costrette a rimanere a letto.

Non è certo la prima volta che avviene una cosa simile: da settimane è partita una vera e propria battaglia contro tutti i dipendenti del settore sanitario che, tramite TikTok, danno consigli errati, raccontano esperienze private o, peggio, ironizzano sui pazienti. Video che rischiano di far perdere la fiducia dei cittadini nei confronti dei professionisti che dovrebbero garantire massima privacy e serietà.

Come dicevamo, l’infermiere in questione è stato subito licenziato dalla struttura di Hospice di Roma (il suo contratto prevedeva una prova di sei mesi).

Dopo il polverone mediatico, il ragazzo ha scritto a Trash Italiano per avere la possibilità di replicare pubblicamente.

Questa la mail che, con la sua autorizzazione, riportiamo

Buonasera a tutti e grazie per questa opportunità che mi avete dato. Sarò breve e conciso. Qualche giorno fa ho pubblicato un video che ormai tutti conoscono dove ho messo tanta ironia visto il nostro modo faticoso di lavorare in questo periodo.

Non volevo offendere nessuno, ma soprattutto non era mia intenzione creare tutto questo parlare. Io adesso mi trovo solo, senza lavoro e senza nessuno che mi appoggi. Mi trovo solo davanti milioni e milioni di persone che vanno contro di me. Alle quali non saprei cosa dire, a parte scusa, ma scuse vere per chi si è sentito offeso.

Però chiedo anche un po’ di aiuto in generale per sostenermi in tutti i sensi. Messaggi e commenti che mi arrivano mi fanno star male in quando non descrivono realmente la persona che sono. E lo potete chiedere a tutti che io con i pazienti ero pulito, ordinato, professionale ma soprattutto affettuosissimo verso di loro. Ho deciso di fare l’infermiere perché da piccolo sono stato due anni chiuso in ospedale e l’unica figura che avevo vicino era l’infermiere, che hanno reso quei giorni meravigliosi se pure erano tristi. Mi ricordo il primo mio intervento dove l’infermiere prima di farmi la puntura ha trasformato il corridoio in una pista da corsa con i carrelli. Ho fatto l’infermiere per ricambiare tutto l amore che ho ricevuto.

Chiedo tanto aiuto da parte di tutti, ma sopratutto appoggio.

In un’altra mail indirizzata a Webboh, l’infermiere ha aggiunto

Si è scatenata l’ira del web, anche contro chi mi faceva lavorare. Ieri sono arrivato al lavoro e il mio datore di lavoro mi ha presentato la lettera di licenziamento: ‘Firmi qua e se ne vada’. Non me l’aspettavo proprio.

Sono pronto a chiedere scusa anche di persona. Il mio scopo non era questo. Mi dispiace. Tornassi indietro, non lo rifarei. Voleva essere un video ironico, leggero, anche stupido se vogliamo. Sono stato licenziato per tre secondi di video, la mia vita è distrutta.

Sto ricevendo dei messaggi terribili, comprese le minacce di morte. Una cosa vorrei dire. Ci sono milioni di video dove colleghi – infermieri, anestesisti, tirocinanti, ginecologi, e chi più ne ha, ne metta – fanno dei video ironici sul loro lavoro, o al contrario video di pazienti che insultano i medici. Il web ne è pieno. Sono video leggeri, sicuramente, ma è il linguaggio di TikTok e quasi sempre ho preso spunto dai video di altri per fare i miei. Non ho mai mancato di professionalità sul posto di lavoro, e quei video avevano solo l’intenzione di ironizzare. Non sono video che mettono a repentaglio i miei pazienti, non lo farei mai. Perché sono stato colpito soltanto io?

via webboh.it

What do you think?

29 Points
Upvote Downvote
Belen Rodriguez pubblica video shower baby Luna Mar

Crisi tra Belen Rodriguez e Antonino Spinalbese? La showgirl risponde ad un utente

Wanda Nara e Mauro Icardi litigano in un ristorante a Milano, poi volano a Dubai